08 Giu 2012

Emergenza Terremoto. Parmigiano Reggiano: modalità per l’acquisto

Emergenza Terremoto. Parmigiano Reggiano: modalità per l’acquisto

Come saprete le zone dell’oltrepò mantovano sono state duramente colpite dal recente sisma, in particolare i caseifici e le cascine di produzione e di stagionatura del Parmigiano Reggiano hanno visto le recenti produzioni fortemente danneggiate, a fronte di numerose richieste per l’acquisto, anche a fini di solidarietà, di formaggio, giunte da tutt’Italia, siamo a girarvi la nota ufficiale del Consorzio PARMIGIANO REGGIANO (socio del GAL) che ci ha chiesto di diffondere tale modalità per l’acquisto del formaggio, ai fini di evitare, disorganizzazione, speculazioni commerciali e intralcio alle operazioni di messa in sicurezza dei caseifici medesimi.

Ringraziamo fin d’ora tutti della fattiva collaborazione e della solidarietà che in tal modo potrete esprimere!

Vorrei comprare del Parmigiano-Reggiano per aiutare i caseifici colpiti dal terremoto. A chi mi rivolgo?

1) Il Consorzio ha attivato una campagna di solidarietà in favore dei caseifici terremotati promuovendo la raccolta di fondi attraverso gli acquisti di Parmigiano Reggiano, campagna che si è estesa ad altri caseifici produttori per poter rispondere alle numerose richieste di acquisto pervenute. Per ogni Kg di Parmigiano Reggiano acquistato sarà devoluto 1 Euro al Fondo di solidarietà “Comitato gruppo caseifici terremotati” del Parmigiano Reggiano. Le confezioni saranno identificate da un apposito bollino che recherà la scritta “1 €/Kg per rinascere – Un aiuto ai caseifici terremotati del Parmigiano Reggiano”.
Chi volesse acquistare Parmigiano Reggiano con il bollino può farlo compilando il modulo di pre-ordine che il Consorzio provvederà ad inoltrare ad uno dei caseifici che ha aderito al fondo di solidarietà e che trovate a questo link.

2) Il Consorzio ha promosso la costituzione di un Fondo di solidarietà del “COMITATO GRUPPO CASEIFICI TERREMOTATI” DEL PARMIGIANO REGGIANO per la raccolta di fondi destinati alla ricostruzione dei caseifici colpiti dal terremoto del 20 e 29 maggio.
Per fare qualsiasi versamento è possibile utilizzare il conto con Iban: IT 07 A 07058 12803 000000057000

3) A giorni, poi, partiranno grandi operazioni solidali da parte della GDO (quella concordata con Coop Italia sarà la prima, al via l’11 giugno) che per ogni pezzo di Parmigiano-Reggiano – che sarà contrassegnato da un apposito bollino – venduto a prezzi correnti destinerà un contributo (1 Euro per chilogrammo) al Fondo per i caseifici terremotati.

4) Occorre ricordare che in ogni caso il modo più semplice per essere di aiuto è quello di a ACQUISTARE MAGGIORMENTE IL PARMIGIANO REGGIANO NEL PUNTO VENDITA DI FIDUCIA. In questo modo i caseifici continueranno a rifornire la rete distributiva e la produzione, anche quella dei caseifici che hanno subito danni, avrà lo sbocco necessario a dare sostentamento a quanti debbono far fronte alle attuali gravi difficoltà.

5) In ogni caso, soprattutto per chi si recherà sui luoghi colpiti dal sisma, diamo alcune indicazioni a chi volesse fare L’ACQUISTO DI PARMIGIANO REGGIANO DIRETTAMENTE AI CASEIFICI CHE HANNO SUBITO DANNI.
Riportiamo qui sotto il LINK con i contatti dei CASEIFICI COLPITI dal sisma che fanno vendita diretta al pubblico:

» I CASEIFICI COLPITI DAL SISMA

I caseifici ora stanno affrontando una situazione di emergenza dovuta al sisma e, inoltre, stanno continuando a fare il formaggio tutti i giorni. Quindi è possibile che non riescano a rispondervi subito; vi preghiamo di avere pazienza.

A che prezzo si può trovare il Parmigiano Reggiano dei caseifici terremotati?

Come detto, tutto il formaggio marchiato Parmigiano-Reggiano segue le procedure previste per la DOP ed è un formaggio sicuro e buono. Ovviamente il prezzo può variare a secondo dell’età di stagionatura o della qualità del prodotto (ad esempio, il Parmigiano Reggiano Mezzano ha un prezzo inferiore in quanto è di seconda scelta).

Quanti sono i danni subiti?

I caseifici ed i magazzini di stagionatura sono stati danneggiati dalle scosse di terremoto del 20 e del 29 sono 24. Le scosse sismiche del 29 maggio hanno provocato il crollo di formaggio in 4 strutture in provincia di Mantova, 2 in provincia di Modena, 6 in provincia di Reggio Emilia, danni con problemi di agibilità ad un caseificio in provincia di Mantova e 3 in provincia di Modena. Le forme coinvolte in questi nuovi crolli ammontano a 311 mila unità, portando il numero delle forme totali colpite dal sisma a oltre 600.000 mila unità (di cui circa 300.000 sono danneggiate, pari al 10% della produzione).
Sono in corso le operazioni per recuperare il formaggio crollato. Le forme di formaggio che possono continuare la maturazione per essere stagionate a Parmigiano-Reggiano, vengono trasferite in altri depositi attrezzati per lo scopo. Le forme di formaggio che hanno subito fratture o spaccature vengono trasferite in depositi refrigerati, in attesa della destinazione d’uso adeguata (grattugiato generico, formaggio fuso).

Esiste Parmigiano-Reggiano terremotato?

No. Le strutture possono essere terremotate. Il formaggio marchiato Parmigiano-Reggiano segue tutte le procedure previste per la DOP ed è soggetto ai rigidi controlli di certificazione ed è un formaggio assolutamente sicuro e buono.

A seguito del terremoto ci potranno essere difficoltà nelle forniture di Parmigiano-Reggiano sul mercato?

No. Il Parmigiano-Reggiano, come sempre, viene prodotto secondo le rigide regole del disciplinare di produzione della DOP, viene marchiato dal Consorzio, certificato dall’organismo di controllo. La presenza del nome Parmigiano-Reggiano col logo forma e fetta di colore nero, il logo comunitario rotondo di colore giallo e rosso sono la garanzia che il prodotto, sia esso porzionato o grattugiato, è autentico Parmigiano-Reggiano.


La locandina della solidarietà


Consorzio del Formaggio Parmigiano-Reggiano
Franco Gardinazzi
Segretario Sezione di Mantova


Condividi la notizia: